Accedi

Euro ai massimi da tre anni pesa su Borse

La forza dell'euro che mantiene i massimi da tre anni penalizza ancora le Borse europee, mentre New York tiene e anzi con l'indice tecnologico Nasdaq corre decisa.

Il 2018 sui mercati è iniziato così come è finito il 2017, con gli operatori che non vedono grandi possibilità per il dollaro di riprendersi a breve. Per gli Stati Uniti non è un male, mentre le vendite hanno colpito i gruppi europei con propensione all'export ma anche i titoli di Stato dei Paesi da tempo sotto l'attacco della speculazione, come quelli italiani.

Dopo i forti cali di venerdì scorso, vendite anche sui mercati azionari, con Londra che ha ceduto lo 0,6%, Parigi lo 0,4% e Francoforte lo 0,3%. Milano ha tenuto sulla parità, ma diversi gruppi che generano le loro vendite soprattutto all'estero hanno pagato pegno.

L'euro si mantiene tra quota 1,204 e 1,205 sul dollaro, ma in cinque giorni è salito dell'1,3%, un rialzo consistente nel mercato valutario. La ragione è semplice e non c'entra con la recente rivoluzione fiscale ottenuta da Trump: quello che deprime il dollaro, rafforzando l'euro, è lo scetticismo degli operatori sul fatto che l'andamento dell'inflazione statunitense consenta davvero le tre annunciate strette monetarie da parte della Federal reserve nel corso dell'anno appena iniziato.

Così le Borse europee faticano, mentre quelle asiatiche, dopo il rally del 30% del 2017, hanno aperto l'anno ancora in aumento, con gli investitori che guardano con fiducia alle prospettive di stabilità della Cina.

Ci guadagna ancora Hong Kong (+36% l'anno scorso) che ha chiuso la prima seduta 2018 in rialzo dell'1,9%, ma bene anche Shanghai (+1,2%), Shenzhen (+1) e Seul (+0,5%), che non risente delle tensioni locali.
ATS | 2 gen 2018 19:57