Accedi

Borsa svizzera in calo

La borsa svizzera si presenta in calo nel pomeriggio: alle 15.26 l'indice dei valori guida SMI segnava 9190,30 punti, in calo dello 0,82% rispetto a ieri. Il listino globale SPI perdeva lo 0,87% a 10'538,52 punti.

La giornata è povera di dati macroeconomici. L'export tedesco continua ad avere il vento in poppa: i primi nove mesi del 2017 hanno registrato un aumento del 6,3% rispetto al periodo analogo nell'anno scorso. Complessivamente sono state esportate merci "made in Germany" per un valore di 954,7 miliardi di euro (1100 miliardi di franchi al cambio attuale). Le importazioni sono cresciute anche di più, dell'8,7%, a 769,9 miliardi.

Zurich Insurance, grossomodo stabile (-0,07%), ha presentato risultati in chiaro scuro dopo i primi nove mesi. I premi lordi dell'assicurazione danni sono diminuiti del 2% su base annua a 25,3 miliardi di dollari (24,7 miliardi di franchi al cambio attuale). In valute locali tali premi sono invece progrediti dell'1%. I premi incassati nell'assicurazione vita sono rimasti stabili a 3,5 miliardi di dollari, mentre quelli di Farmers Exchange hanno fatto segnare un modesta progressione dell'1% a 15,2 miliardi.

Swiss Life, oggi in sensibile calo (-1,51%), ieri aveva fatto segnare una progressione del 2,2% sulla scia dei buoni risultati presentati dopo nove mesi. L'altro assicuratore Swiss Re ha pure perso terreno (-0,69%).

Una sola blue chip è sopra la linea di demarcazione: LafargeHolcim, che fa segnare un +0,18%.

I pesi massimi Roche (-1,08%), Novartis (-0,79%) e Nestlé (-0,47%) sono tutti in perdita senza che vi siano indicazioni particolari.

Tra i bancari UBS fa meno peggio (-0,35%), seguita da Julius Bär (-0,51%) e Credit Suisse che perde l'1,24%.
ATS | 9 nov 2017 15:31