Accedi

USA: Broadcom guarda a Qualcomm, verso offerta da 100 mld

Broadcom valuta un'offerta da oltre 100 miliardi di dollari per Qualcomm. Si tratterebbe della maggiore acquisizione di sempre nell'industria dei semiconduttori, all'interno della quale le due società sono due colossi. E la maggiore nell'industria tecnologica.

Le indiscrezioni mettono le ali ai titoli Qualcomm, che arrivano a guadagnare fino al 19% per chiudere la seduta in progresso del 12,71%. Sale anche Broadcom, che avanza del 5,45%. Affonda invece Intel, che perde fino al 3,2%, alla prospettiva di un gigante rivale in grado di competere su larga scala.

Broadcom potrebbe presentare la sua offerta già nel fine settimana, mettendo sul tavolo 70 dollari per ogni azione Qualcomm in contanti e titoli. I rumors seguono l'annuncio di Broacdcom per un suo ritorno negli Stati Uniti. La società si è infatti impegnata con il presidente Donald Trump a trasferire la sua sede da Singapore agli Usa a prescindere dall'esito della riforma delle tasse.

L'offerta per Qualcomm rappresenterebbe un'occasione per alleggerire la pressione creata dalla battaglia legale con Apple sulle royalty. Cupertino ha accusato Qualcomm di monopolizzare il mercato dei chip e di non volerle rimborsare un miliardo di dollari come misura di ritorsione per la sua collaborazione con le autorità della Corea del Sud.

Apple sta anche valutando la possibilità di dire addio ai chip Qualcomm per gli iPhone e l'iPad, usando solo quelli Intel e forse Media Tek. Una decisione allo studio dopo che Qualcomm ha ritirato un software essenziale per testare i suoi chip sui prototipi di iPhone e iPad. Qualcomm non condivide più il software con Apple da quando Cupertino ha avviato nei mesi scorsi un'azione legale.

Per Broadcom l'offerta è invece la conferma della strategia del direttore generale Hock Tan, un vorace compratore che ha contribuito al consolidamento dell'industria dei semiconduttori negli ultimi tre anni.
ATS | 3 nov 2017 22:02