Accedi13/23°

Borsa svizzera: indici ampliano guadagni

La Borsa svizzera si è rafforzata continuamente dall'apertura. Nel primo pomeriggio una spinta è arrivata dai dati sul mercato del lavoro americano, che ha visto il numero di occupati crescere più del previsto, sia pure con un lieve aumento del tasso di disoccupazione, legato però a fattori stagionali. Alle 15.15 l'SMI guadagna lo 0,77% a 6'456.70 punti, l'SPI lo 0,76% a 5'955.74 punti.

L'economia a stelle e strisce ha creato 163'000 impieghi in luglio, mentre le attese erano 100'000. Si tratta del maggiore incremento di posti creati dal febbraio di quest'anno. Rispetto a giugno il tasso di disoccupazione è salito di 0,1 punti percentuali all'8,3%. Gli esperti ritenevano restasse fermo all'8,2%.

Tra le blue chip sempre sotto pressione Givaudan, che dopo la pubblicazione dei risultati semestrali lascia sul terreno il 4,19%. Forte incremento invece per i titoli ciclici, con Adecco in rialzo del 3,50%, ABB del 2,95%, Geberit dell'1,53% e Holcim dell'1,46%. Netta progressione anche per i bancari, con Credit Suisse che sale del 2,44%, UBS dell'1,58% e Julius Bär dell'1,52%, così come gli assicurativi (Zurich Insurance +1,95% e Swiss Re +1,49%) e il lusso (+2,28% per Richemont e +1,44% per Swatch Group). Ancora contrastati i pesi massimi difensivi: Nestlé cresce dello 0,74%, Roche dello 0,29% mentre Novartis cede lo 0,26%.


ATS
ATS | 3 ago 2012 15:27