Accedi13/24°

Germania: perquisiti clienti del CS

Sono settemila le persone interessate. Sono accusate di aver "cammuffato" dei conti bancari per sfuggire al fisco

Le autorità fiscali tedesche hanno eseguito perquisizioni presso i clienti tedeschi di Credit Suisse. Sono sospettati di evasione fiscale per aver camuffato normali conti bancari in prodotti di assicurazione vita esenti da imposte, afferma il quotidiano economico Handelsblatt in edicola oggi.

Ieri sera, il portavoce della banca Marc Dosch ha confermato all'ats che "sono state avviate indagini contro clienti tedeschi di Credit Suisse Svizzera". Secondo il giornale, le persone interessate sarebbero circa 7000.

Gli investigatori ritengono che i soldi sottratti al fisco ammontino a diversi miliardi di euro, afferma il quotidiano economico. "Abbiamo consigliato ai nostri clienti di rivolersi a contabili per verificare la loro situazione fiscale e, se necessario, di mettersi a disposizione delle autorità", ha affermato Dosch, citato dall'Handelsblatt.

Secondo persone bene informate citate dal giornale, Credit Suisse avrebbe camuffato i normali conti bancari in prodotti di assicurazione vita esenti da imposta, con lo scopo di ingannare il fisco. Dosch ha però detto all'ATS che questi prodotti bancari sono stati venduti in modo corretto.

I clienti che hanno acquistato questi prodotti - proposti da Credit Suisse Life con sede nelle Bermuda - si erano impegnati a chiarire la loro situazione con le autorità fiscali tedesche, ha detto Dosch. La commercializzazione di questi prodotti era stata interrotta in Germania.


ATS
minols | 11 lug 2012 09:27

Articoli suggeriti
Il ministro delle finanze socialista della Renania Palatinato, Carsten Kühl, chiede però maggiori concessioni da Berna