Accedi13/23°

Turismo e altri soggiorni: entrate clientela estera invariate 2011

Le entrate generate da stranieri che hanno visitato la Svizzera nel 2011 sono rimaste stabili, malgrado la forza del franco. Esse hanno raggiunto i 15,6 miliardi di franchi, con una crescita di 26 milioni rispetto all'anno precedente (+0,2%). Lo indica l'Ufficio federale di statistica (UST), in base a prime stime.

Nel periodo in rassegna, le spese degli svizzeri in viaggi all'estero si sono attestate a 12,4 miliardi di franchi (+6,4%). Ne risulta un saldo attivo della bilancia turistica di 3,2 miliardi di franchi, 700 milioni in meno rispetto al 2010.

Oltre i due terzi dei proventi generati nel Paese da turisti residenti all'estero sono da ricondurre a viaggi con pernottamenti. Dopo l'incremento del 2010, le entrate sono calate lievemente nel 2011 (-43 milioni) e hanno raggiunto i 10,5 miliardi di franchi. Al calo dei pernottamenti degli ospiti stranieri (-3,4%) si è contrapposto un leggero aumento delle spese medie.

I soggiorni ospedalieri e di studio continuano a crescere e hanno registrato nel 2011 una progressione delle entrate di 125 milioni di franchi (+4,8%). I proventi del turismo giornaliero e di transito hanno registrato una contrazione del 2,6%, scendendo a 2,9 miliardi di franchi, mentre le spese di consumo dei frontalieri e dei dimoranti temporanei sono cresciute del 6,9% a quota 2,3 miliardi.

Per quanto riguarda i viaggiatori svizzeri, hanno speso all'estero una cifra mai raggiunta prima. Le uscite per trasferimenti con pernottamenti sono aumentate del 5,3% a 9,4 miliardi di franchi, mentre nel turismo giornaliero è stato rilevato un incremento addirittura del 10,3%, superando per la prima volta la soglia di 3 miliardi di franchi, secondo i dati forniti oggi dall'UST.


ATS
ATS | 15 giu 2012 10:36