Accedi11/23°

Borsa svizzera: mattinata positiva

Netta crescita per la Borsa svizzera in mattinata, spinta, come le altre piazze, dalla svolta sulla Spagna col piano dell'Eurogruppo sulla disponibilità fino a 100 miliardi di euro per sostenere le banche spagnole. Alle 11.25 circa il listino principale SMI segna 5939,25 punti, in aumento dell'1,19%. L'indice allargato SPI è a quota 5540,83 (+1,18%).

La notizia del soccorso alle banche spagnole ha ridato fiato ai titoli finanziari. Tra le blue chip bancarie elvetiche si sta mettendo in luce il Credit Suisse, che avanza del 3,40%. UBS sale dell'1,95% e Julius Bär del 2,42%. Secondo l'emittente TV CNBC, in seguito all'entrata in borsa di Facebook l'UBS potrebbe avere subito perdite fino a 350 milioni di dollari. Nel comparto assicurativo Zurich cresce del 2,55%, Swiss Re dell'1,19%.

Sugli scudi anche i titoli più legati alle oscillazioni della congiuntura. ABB segna un incremento del 2,30%, Adecco dell'1,64%, Holcim dell'1,46%. Nel segmento del lusso Swatch Group guadagna il 3,03% e Richemont il 2,76%. Più contenuti i rialzi dei titoli difensivi di peso: Nestlé è in aumento dello 0,55% e Novartis dello 0,20%; Roche registra invece una variazione positiva dell'1,11% grazie a un farmaco contro il cancro al seno (Perjeta) omologato negli USA.


ATS
ATS | 11 giu 2012 11:40