Accedi13/24°

Borsa svizzera rimane debole

Rimane debole la borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che verso le 11.30 segna una flessione dello 0,45% a 5'899.85 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,37% a quota 5'526.33.

I mercati sono influenzati dal caos politico in Grecia e dalle incertezze relative al sistema bancario spagnolo. Accusano inoltre il colpo dei due miliardi di dollari di perdite sul trading dei derivati registrate a sorpresa in sei settimane da JPMorgan, con un altro miliardo di "rosso" che potrebbe arrivare nel secondo trimestre dell'anno.

In discesa i titoli finanziari: Credit Suisse cede l'1,61%, UBS lo 0,96%, mentre Julius Bär contiene le perdite allo 0,12%. Tra gli assicurativi Zurich Financial scende del 2,30% e Swiss Re dell'1,32%.

Sono in controtendenza i pesi massimi Novartis (+0,12%) e Nestlé (+0,09%). Di segno positivo anche Actelion (+0,92%) e Adecco (+0,35%).


ATS
ATS | 11 mag 2012 11:40