Accedi5/11°

Fed: i tassi rimangono al minimo

Per Bernanke, numero uno della Banca Centrale americana, si tratta del livello "più appropriato" per la situazione economica

Nessuna sorpresa dalla Federal Reserve (Fed), che ha lasciato i tassi invariati tra lo zero e lo 0,5%, ribadendo che rimarranno a un livello così eccezionalmente basso almeno fino al 2014.

Per il numero uno della banca centrale statunitense, Ben Bernanke, si tratta ancora del livello "più appropriato", vista la situazione economica. Una situazione che - secondo la fotografia scattata dal Comitato di politica monetaria (Fomc), l'organo esecutivo della Fed - ci consegna una ripresa ancora moderata che si manterrà così anche nei prossimi trimestri, e che tornerà a crescere a ritmi più sostenuti solo gradualmente. Così come progressivamente si ridurrà un tasso di disoccupazione che, seppur in leggero calo, per la Fed resta ancora troppo elevato.

A preoccupare sono soprattutto le tensioni sui mercati finanziari, che continuano a rappresentare un rischio non di poco conto per la crescita dell'economia globale e per quella americana, con le previsioni sempre soggette a improvvisi ribassi. I principali timori restano quelli legati all'andamento della crisi del debito nell'Eurozona. Il numero uno della Fed lo ha ripetuto chiaramente, ricordando "le ulteriori tensioni sui mercati in Italia e in Spagna nelle ultime settimane".

Bene i passi in avanti compiuti in Europa, ha detto Ben Bernanke nel corso di una conferenza stampa, ricordando il 'fiscal compact' e il 'firewall' realizzato per frenare il contagio. Ma questo non basta: "Deve essere fatto di più per adempiere agli impegni presi".

Come pronta a fare di più è la stessa Fed per continuare a favorire la crescita: "Siamo pronti se necessario", ha detto Bernanke, per il quale la Fed non esiterà "a dare maggior sostegno se la situazione economica lo dovesse richiedere". Ma fondamentale resta assicurare la sostenibilità dei conti pubblici. Perchè se questi dovessero andare a picco - sottolinea il presidente della Fed - i rischi per l'economia aumenterebbero inevitabilmente. Per questo "è un imperativo per il Congresso formulare una politica di bilancio sostenibile, senza la quale - ha ammonito Bernanke - i nostri sforzi sarebbero vani".


ATS
minols | 26 apr 2012 08:01