Accedi17/24°

"Strada spianata per un accordo con l'Italia"

Così Alfonso Tuor commenta al microfono di Radio3i il via libera di Bruxelles agli accordi fiscali con Germania e Gran Bretagna

Alfonso Tuor intervistato da Alessandro Cocca
Alfonso Tuor intervistato da Alessandro Cocca

La Commissione europea ha dato il via libera oggi agli accordi fiscali svizzeri con Germania e Regno Unito. Le convenzioni sono "pienamente conformi al diritto europeo", ha indicato il commissario incaricato della fiscalità Algirdas Semeta, alla stampa a Bruxelles.

Questa decisione potrebbe ora aprire anche le trattativa con l’Italia. Infatti il Governo di Mario Monti ha sempre dichiarato di volersi allineare alle decisioni europee e di attendere le decisioni europee sugli accordi già stipulati dalla Svizzera.
 
Stesso discorso per la Francia, la quale aveva già rifiutato  la possibilità di chiudere un accordo bilaterale, anche se dall'Eliseo non si era mai fatto chiaramente cenno ad eventuali decisioni dell'UE.

"Questo accordo - commenta il giornalista economico Alfonso Tuor a Radio3i - spiana la strada per altri accordi. Ora non vi sono più ostacoli nemmeno per un accordo con l'Italia".
minols | 18 apr 2012 10:02

Articoli suggeriti
La Francia non seguirà Germania e Gran Bretagna e introduce misure ancora più restrittive per i reati fiscali
Fisco: Monti segue la direttiva dell’UE che prevede lo scambio automatico di informazioni bancarie entro la fine del 2017
L'Italia non intende per ora sottoscrivere accordi bilaterali con la Svizzera sul tema fiscale
Le forze politiche vogliono che Monti firmi l'accordo fiscale che porterebbe dai 40 ai 50 miliardi nelle casse dello Stato