Accedi
Commenti

Insalata e cereali, ecco i primi mini-raccolti dallo spazio

La Nasa e l'Esa stanno sviluppando progetti per sistemi autosufficienti per lunghe missioni spaziali

Non solo insalata: sulla Stazione Spaziale arrivano i primi mini raccolti di cereali grazie a una speciale serra, mentre sulla Terra ci si allena a coltivare i pomodori come si farà su Marte.

Due progetti, uno della Nasa, l'altro dell'Agenzia spaziale europea (Esa), il cui obiettivo è sviluppare sistemi autosufficienti per lunghe missioni spaziali, quando gli astronauti non saranno in grado di fare affidamento su regolari rifornimenti. Sono i primi risultati e sono ottimi.

Il progetto della Nasa, Advanced Plant Habitat (Aph), sviluppa coltivazioni in assenza di gravità, in un modulo recentemente inserito sulla Stazione orbitante; mentre quello dell'Esa permette la produzione di ortaggi in presenza di gravità. È sviluppato dall'azienda olandese Groen Agro Control, nell'ambito del progetto europeo Melissa (Micro-Ecological Life Support System Alternative) che ha come scopo la produzione di acqua, cibo e ossigeno per le missioni spaziali umane.

ATS/red | 14 apr 2018 12:01

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'