Accedi
Commenti 3

Parrucchiera multata nel suo salone: "Ci siamo sbagliati"

La Guardia di Finanza di Lecco ha ritirato la multa nei confronti della parrucchiera che non si era fatta lo scontrino

Ha sollevato numerose polemiche a Lecco e dintorni il caso della parrucchiera multata lo scorso mercoledì per non avere emesso uno scontrino dopo una prestazione di messa in piega effettuata a lei stessa da una sua collaboratrice (vedi SUGGERITI).

In serata però, la Guardia di Finanza di Lecco ha comunicato di avere deciso di annullare il verbale redatto nei confronti della parrucchiera di Oggiono per omesso rilascio della ricevuta fiscale.

A seguito della normale attività di controllo e revisione delle attività effettuate, il Comandante del Reparto ha revisionato il verbale e, in data odierna, dopo aver convocato la diretta interessata, ha proceduto ad annullare il processo verbale di constatazione per un'inesatta interpretazione della norma tributaria da parte dei finanzieri.

Infatti, da una valutazione più approfondita della vicenda, è emerso che pur trattandosi di un caso di autoconsumo, la prestazione resa alla parrucchiera dalla sua assistente aveva un valore inferiore a 50 euro. Considerata la cifra e l'uso personale e non avendo effettuato il pagamento del corrispettivo, avrebbe dovuto essere considerata esclusa dall’IVA e, quindi, anche dall’obbligo del rilascio della ricevuta fiscale.

 

Redazione | 10 apr 2017 18:17

Articoli suggeriti
Dalla vicina Lombardia giunge un caso assurdo: la donna non si è fatta lo scontrino e ora rischia 516 euro di multa
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'