Accedi
Commenti 3

"Il film di Melanie Winiger incita al consumo di droga"

Le autorità tedesche bacchettano l'ultima pellicola con l'attrice ticinese. E lei risponde per le rime... VIDEO

A partire dal prossimo 25 maggio, sarà finalmente disponibile nei cinema della Svizzera tedesca il nuovo film con l'attrice ticinese Melanie Winiger, "Lommbock".

Ma già ora dalla Germania, dove "Lommbock" è stato presentato in anteprima lo scorso 23 marzo, stanno giungendo le prime critiche alla pellicola, accusata di incitare al consumo di droga.

"Mi sembra un brutto scherzo che il film sia accessibile ai bambini già dai 12 anni" dichiara ad esempio Marlene Mortler, responsabile della commissione anti-droga del Governo tedesco, in un'intervista alla Bild am Sonntag.

Nel film che vede Melanie Winiger rivestire i panni della partner del protagonista, circolano infatti spinelli a gogò.

"Non è possibile che genitori e docenti passino il loro tempo a spiegare ai giovani che ci si può divertire anche senza droga e poi i nostri eroi del grande schermo distruggano tutti questi sforzi" aggiunge Mortler. "Il divertimento finisce quando le droghe vengono banalizzate solo per fare audience."

Melanie Winiger però respinge le accuse al mittente. "Evidentemente ci sono tante persone che non sanno distinguere tra la realtà e la finzione" afferma la 38enne ticinese, raggiunta dal Blick. "È un dato di fatto che molta gente fuma cannabis. Rendere questo tema un tabù è controproducente."

"Bisognerebbe piuttosto rendere attenti i giovani dal pericolo di iniziare a fumare troppo presto o di consumare cannabis in quantità eccessive" dichiara ancora Melanie Winiger, che personalmente non ama la marijuana. "Fumare spinelli non fa per me, non mi dice niente" conclude la ticinese.

 

Redazione | 27 mar 2017 10:09

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'